Per il terzo anno consecutivo abbiamo appoggiato l’iniziativa dell’Istituto Comprensivo Ciscato di Malo di inserire una pagina nel diario scolastico – editato in 1300 copie – e fornito agli scolari e insegnanti dell’Istituto.

Abbiamo ritenuto di investire, anche in questo modo, sulla prevenzione nella speranza che i ragazzi e le loro famiglie siano attratte dal messaggio salutistico fornito.

Tale intervento va ad aggiungersi alla mattinata di prevenzione svoltasi lo scorso maggio sempre presso L’Istituto Ciscato e alla consegna dei “Calendari del Cuore” presenti in tutte le aule di Malo.

Spesa privata in crescita inarrestabile,

+10% in 5 anni

Dal 2013 al 2018 passata da circa 36 miliardi a quasi 40.

Cresce in modo inarrestabile la spesa pagata dai cittadini di tasca propria per curarsi. In 5 anni, dal 2013 al 2018, è aumentata del 10% passando da circa 36 miliardi di euro annui a quasi 40 miliardi: è quanto emerge dal volume di Marco Vecchietti “La Salute è un Diritto. Di tutti”, presentato oggi alla Camera dei Deputati.

Dalle visite dermatologiche alle ecografie passando per le cure del dentista, più di 7 italiani su 10 ogni anno pagano di tasca propria almeno una prestazione sanitaria. E se questo trend continuerà, in base alle elaborazioni calcolate su dati della Ragioneria Generale dello Stato e della Corte dei Conti, nel 2025 la spesa sanitaria privata aumenterà di ulteriori 20 miliardi, arrivando a quota 60. “La spesa sanitaria privata – ha sottolineato Vecchietti durante la presentazione del volume – è la più grande forma di disuguaglianza in sanità perché diversifica le possibilità̀di cura esclusivamente in base all’entità̀del reddito disponibile da parte di ciascun cittadino”.

La tenuta del sistema sanitario, come noto, dipende dalla sua capacità di affrontare con efficacia le importanti sfide in campo demografico, economico e sociale che attendono il nostro Paese nei prossimi anni. In questa prospettiva, sottolinea Vecchietti, amministratore delegato e direttore generale di RBM Assicurazione Salute, “è cruciale pianificare un ‘robusto tagliando’ del Servizio Sanitario Nazionale (Ssn) che affronti strutturalmente i temi del finanziamento, della qualità e dell’accessibilità delle cure per recuperare le ‘quote di universalismo perdute’ in questi anni”. È necessario, quindi, aggiunge, “promuovere una cultura del Secondo Pilastro anche in sanità, da aggiungere al Ssn, per realizzare un sistema sanitario più sostenibile, più equo e più inclusivo in grado di garantire una risposta sicura per la nostra salute e per quella delle generazioni future”.

ANSA 8.5.19

Amici del Cuore