Sono ormai 12 anni, e sinceramente sembra impossibile siano già passati tanti anni.

Mi ricordo con emozione quando nel lontano 2006 dopo anni di preparazione presso centri di eccellenza, è stato fatto il primo piccolo passo, la prima coronrografia diagnostica. È stato l’inizio della trasformazione di una Cardiologia (stiamo parlando ancora della Cardiologia di Thiene) che si occupava solo della diagnosi delle malattie cardiovascolari, in una cardiologia dotata anche di interventistica coronarica. I pazienti ricoverati venivano cosi sottoposti a trattamento di angioplastica + stent e tornavano poi a casa loro guariti senza dover più rivolgersi alle cardiologie di altri centri.

Un percorso finalmente completo come era giusto che fosse.

E dopo tutti questi anni di attività e tempo di fare delle valutazioni. Dall’inizio dell’attività a Thiene stiamo parlando di qualcosa come oltre 2200 interventi, oltre 1550 interventi da quando siamo nella nuova sede di Santorso, sempre con più esperienza ma sempre con lo stesso entusiasmo, aperti alle novità tecnologiche e ai continui miglioramenti, sempre con la solita dedizione al paziente e al suo benessere. E i risultati sono sotto gli occhi di tutti. E non sono io a dirlo ma la gente che ogni giorno viene a contatto con la nostra realtà che non è fatta solo di numeri ma di manifestazioni di riconoscenza, e a volte anche solo il “grazie ma di cuore” ci gratifica.

Ed in questi anni di crescita i numeri ci raccontano anche di oltre 50 infarti miocardici acuti operati d’urgenza con successo nel 2017. Ed è a questo punto doveroso un ringraziamento al Primario della Cardiologia Bortolo Martini, a tutti i mei colleghi della cardiologia e sopratutto ai colleghi dell’Emodinamica Dott. Cozzi, Povolo Callegarin e Toffanin. Alla caposala Monica che con entusiasmo incredibile si è da un anno gettata in questa nuova avventura, ed è sicuramente un valore aggiunto gli inferieri tutti (Fabris Roberto Carretta Teresa, Lorenzi Maddy, Busa Denise, e Lorella Scapin, i tecnici di radologia (Nicola Zaffaina, Carlo Collauto e Katia Simoni) Rosanna Roncaglia e Ugo Frigo. Un grazie sentito anche a tutto il personale dell’UCIC e del Reparto di Cardiologia per completare cosi bene l’opera da noi iniziata. Un sentito ringraziamento anche al personale della CardioAction che si occupa della riabilitazione dei nostri pazienti e non da ultino al Presidente Adriano Pastore e all’Associazione degli Amici del Cuore, da sempre al nostro fianco.

E per il futuro? L’invito è sicuramente di guardare avanti con grande fiducia. Il camminino iniziato tempo fa e che ha portato agli straordinari successi di oggi è gioco forza destinato a continuare nell’interesse dei nostri pazienti e della nostra Cardiologia.

Dr. Luciano Bassan

 

Amici del Cuore