Care Amiche, Cari Amici,

nei mesi scorsi il Consiglio Direttivo, nel verificare la possibilità di intervenire  a favore di uno studente meritevole – come avvenuto in un recente passato -,  ha fatto propria una proposta avanzata da un Consigliere.

Da qualche anno presso alcuni locali di Villa Nievo Bonin Longare a Montecchio Precalcino, è stato attivato un Corso di Laurea triennale in Infermieristica da parte dell’Università di Padova.

La proposta è questa: perchè non erogare un premio – ovviamente di importo contenuto – ai primi tre studenti che presenteranno la tesi di laurea sulla “patologia cardiaca” e/o sulla “riabilitazione cardiologica” ottenendo la valutazione più elevata?

Questo ovviamente in accordo e collaborazione con la Direzione Generale dell’ULSS e con il Coordinatore del Corso di Laurea.

Il premio sarà consegnato alla prima sessione utile di laurea – prossimo mese di ottobre – con una cerimonia ufficiale per dare significato e risalto alla collaborazione tra un’Associazione di “pazienti” e la “scuola” che licenzia annualmente un buon numero di infermieri.

Sono professionisti che prima o poi potremmo incontrare sulla nostra strada o quella delle nostre famiglie.

Questa idea ci è sembrata un’opportunità da cogliere per stringere ancor più i legami tra la nostra Associazione e la preparazione universitaria.

Con l’ultimo nostro notiziario del 2017 vi daremo conto dei nominativi scelti, delle tesi di laurea prodotte e della cerimonia di consegna.

Le tesi saranno inserite nel sito associativo e, chi lo desidera, avrà la possibilità di documentarsi sulle medesime.

Il nostro Paese sta attraversando un periodo storico dove sembra prevalere l’ignoranza, il disprezzo della cultura e delle regole.

Sono convinto che la rinascita ed il riscatto potrà avvenire partendo dal basso, anche dalle Associazioni di Volontariato come la nostra che operano, quotidianamente, a favore del prossimo. Il rinnovamento potrà avvenire soltanto attraverso la cultura ed è in questa ottica che dobbiamo leggere l’intervento sopra citato e che verrà riproposto annualmente.

La cultura è fondamentale per lo sviluppo di ogni Paese, per conseguire una sana convivenza civile che tenga ben presenti le necessità dei più deboli e non dimentichi gli ultimi.

Non ci occupiamo solamente di promozione della prevenzione e della riabilitazione cardiologica ma, anche di cultura in senso lato per contribuire, secondo le nostre possibilità, a lasciare il mondo un po’ migliore di come l’abbiamo trovato!

Anche per questa ragione abbiamo deciso di dedicare il “premio” ai neo laureati ad una persona – recentemente scomparsa – che ha molto significato per la nostra Associazione e sulla quale leggerete nelle pagine seguenti.

Il riconoscimento sarà dedicato:

“Alla memoria di Imelda Cavion Zanella”.

Adriano Pastore